De referendum, parte 2

La prima parte dell’articolo (considerazioni generali e sulla gestione dell’acqua) si trova qui.

Centrali nucleari (quesito 3)

Qui la faccenda (almeno per me) è veramente complicata. Da una parte non sono contrario a priori all’uso dell’energia nucleare, dall’altra non posso appoggiare l’iniziativa del governo italiano, che ha spacciato agli italiani un piano di ritorno al nucleare che è una bufala. Dico che è una bufala perché, come fa notare il professor Alberto Clò in questo articolo, non è credibile: viene spacciato come una possibilità concreta e a breve termine di ridurre il costo dell’elettricità, mentre invece necessariamente ogni piano necessariamente dovrà essere visto come una iniziativa (eventuale) a lungo termine per far recuperare all’italia l’arretratezza tecnologica che ha accumulato nei confronti degli altri paesi, è che potrà dare dei frutti solo fra decenni (come qualsiasi investimento in ricerca scientifica e tecnologica dopotutto). In questo senso, andare a dire agli italiani che per risolvere i nostri problemi basta costruire 4 centrali nucleari in italia è una presa in giro. Addirittura è una presa in giro duplice: non solo è del tutto illusorio pensare di costruire delle centrali nucleari in 8 anni, ma anche se fosse queste centrali sarebbero troppo poche per ridurre in modo consistente i costi dell’energia in italia.

Quindi, dato che sono contrario all’iniziativa di governo, dovrei semplicemente votare sì a questo referendum. Tuttavia non mi sento di farlo.

Purtroppo, infatti, il comitato promotore non vuole semplicemente bloccare questo piano, ma vuole che il voto sia l’occasione per bloccare qualsiasi sviluppo del nucleare in italia, e per far passare l’idea che l’energia nucleare sia intrinsecamente dannosa e quindi da rifiutare in toto. Dato che non voglio che il mio voto venga usato in questo modo, andrò alle urne a votare scheda bianca. In questo modo il mio voto avrà le stesse conseguenze pratiche, ma allo stesso tempo eviterò di rimpinguare le fila di un movimento d’opinione che non condivido.

Legittimo impedimento (quesito 4)

Qui la faccio corta, per fortuna questo è l’unico quesito che mi trova perfettamente d’accordo. Anche se i tifosi di Berlusconi continuano imperterriti a sostenere il contrario, ci troviamo di fronte ad una legge che in primis è del tutto inutile riguardo ai problemi che affliggono il nostro paese, in secondo luogo è una violazione del principio di eguaglianza del cittadino di fronte alla legge, e tale violazione ha l’effetto pratico di favorire l’impunità di una persona ben precisa di fronte alla legge.

Quindi voterò sì a questo quesito.

Annunci

6 Risposte to “De referendum, parte 2”

  1. De referendum, parte 1 « la Bacheca di Gwílbor Says:

    […] recenti De referendum, parte… su De referendum, parte 1gwilbor su Wikiriforma costituzional…Niike su […]

  2. Faty Says:

    Sono molto d’accordo su tutti e quattro i quesiti.

    Non sono d’accordo nemmeno io con chi dice no al nucleare a prescindere, quello che però secondo me si dovrebbe considerare è la sfiducia generale nei confronti della classe dirigenziale.

    Esempio: Io ho pensato beh non sono contro il nucleare, ma se sapessi che ne costruiscono una sotto casa mia e lo fa la stessa gente incapace di risolvere il problema rifiuti di Napoli ecco forse cambierei abitazione.

  3. Gwilbor Says:

    Ciao Faty!
    Sì è vero la sfiducia credo proprio sia il problema principale. E ci tengo a precisare: è totalmente meritata e giustificata.

  4. la Bacheca di Gwílbor Says:

    […] più letti De referendum, parte 1De referendum, parte 2A (grande?) richiesta – Come si mappa in JOSMLa storia di Clara Palomba ed il ruolo degli […]

  5. giambrox Says:

    Dico la mia: il nucleare, ammesso che sia conveniente, ha comunque una pecca immane: le scorie radioattive. Non se ne parla molto, del resto le soluzioni che si sono via via trovate hanno l’aria di essere più che altro dei palliativi.
    Il meglio degli stati uniti: http://tbagarolo.blogspot.com/2010/05/scorie-nucleari-quel-buco-sotto-yucca.html
    Il meglio dell’europa: http://www.linkiesta.it/blogs/verde-matematico/onkalo-il-nascondiglio-delle-scorie-l-eternita
    …l’italia: http://www.ecoo.it/articolo/nucleare-rifiuti-radioattivi-a-napoli/543/

    Se anche riuscissimo a trovare un posto davvero sicuro dove mettere le scorie per i prossimi millemila anni, rimane un problema di fondo: l’uranio, esattamente come il petrolio, finirà. Se devo fare un’investimento a lungo termine, non lo faccio con qualcosa che si potrà presto esaurire. Piuttosto sviluppo un settore rinnovabile realmente efficiente e cerco di stimolare la realizzazione di dispositivi e case a risparmio energetico.

    Chessò, potrebbe essere interessante anche solo approfondire questo: http://tinyurl.com/6l5qhwj
    Ma di utilizzare il nucleare senza avere un piano SERIO per le scorie radioattive no. Credo che non sia davvero accettabile.

    • Gwilbor Says:

      Oddio, almeno per gli stati uniti conosco il WIPP che non è niente male. Comunque hai perfettamente ragione, quando si fanno valutazioni sul nucleare i costi relativi alle scorie non debbono essere elusi. Ed è giusto chiedersi se finora siano stati presi seriamente in considerazione.
      Per quanto riguarda il discorso dell’energia rinnovabile, anche qui hai ragione, ma bisogna anche tenere conto che il nostro sistema energetico deve prevedere sia delle fonti che producono un energia costante per il carico base, sia altre fonti per poter seguire i picchi di richiesta. Le energie rinnovabili sono ottime per il secondo dei due impieghi, ma non è immaginabile pensare un sistema energetico che vada solo ad eolico o solare (non esiste modo di immagazzinare l’energia su così vasta scala).

      Cerchiamo di fare ricerca in tutti settori, e poi il mercato sceglierà la tecnologia più conveniente (con uno stato a vigilare sulla sicurezza ovviamente). Chissà ad esempio che dai reattori sperimentali di oggi non si riesca a costruire una centrale pulita ed intrinsecamente sicura in futuro.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: